L’allattamento è di sicuro una delle cose più naturali di questo mondo. Molti consigliano di nutrire il neonato con il proprio latte fino a sei o sette mesi. Certo, in alcuni momenti può risultare doloroso per le puerpere, ma è anche vero che è uno dei modi più belli per stabilire un contatto con il proprio figlio.

Quindi, per assicurarsi di farlo nella maniera giusta, è bene sapere quali cibi e bevande assumere, e quali evitare.

Quali alimenti mangiare?

Come per la gravidanza, è bene sapere quali sono gli alimenti più indicati, come:

  • l’arancia, adatto per le sue proprietà mineralizzanti e toniche;
  • la carota e il finocchio, che favoriscono entrambi la produzione del latte, e il secondo di può anche assumere sotto forma di tisana;
  • lenticchie, che danno un sapore più deciso al latte, ma è bene mangiarle in dosi contenute;
  • topinambur cotti, anch’essi in grado di aumentare la produzione del latte;
  • il polline, grande fonte di vitamine, sali minerali, proteine, enzimi e altre sostanze nutrienti, ed aiuta a sostenere l’organismo;
  • l’avena, un ottimo cereale energetico, tonico e ricco di sali minerali;
  • le germe di grano, che fornisce una grande quantità di vitamina E ed aumenta la vitalità dell’organismo;
  • il pesce e i frutti di mare, che forniscono grassi sani, come gli omega-3.

Anche l’idratazione è importante, e ci sono certi infusi di erbe, che possono far bene, oltre ad aumentare il latte. Uno di questi è l’infuso al cumino: per prepararlo basta mettere in infusione cinquanta grammi di semi, e bollirli dieci minuti in un litro di acqua bollente, per poi berne una tazza durante i pasti.

Cosa evitare?

Naturalmente, ci sono anche dei cibi che è meglio evitare, molti dei quali possono causare delle coliche al bambino. Tra questi, si possono includere:

  • le verdure crocifore e amare, come cavoli, broccoli, carciofi, asparagi, cicoria, etc.;
  • delle spezie, tra le quali il peperoncino e il curry;
  • la frutta secca;
  • le fritture;
  • gli insaccati;
  • alcuni legumi.

Oltre a evitare gli alcolici e la caffeina, bisogna evitare anche alcune tisane, le cui erbe possono inibire la produzione del latte, come la menta, la salvia e il prezzemolo.

Ci sono anche dei cibi da mangiare con moderazione, in quanto possono provocare delle reazioni allergiche, come le fragole o il cioccolato.

Sicuramente, il proprio ginecologo può prescrivere una dieta regolare, come avrà fatto sicuramente per la gravidanza, anche per sapere in quali dosi vanno assunti certi alimenti.